3° Percorso trekking - Lago di Venere - Sentiero Romano

Dal libro di Siegfried Buck Percorsi nel verde della “Perla Nera”, le migliori escursioni trekking di Pantelleria

Questo percorso, della durata di circa due ore, comincia dal parcheggio vicino al Lago di Venere, da cui si sale imboccando la strada asfaltata verso la borgata di Bugeber. Il nome di questa località, dal terreno fertile e per questo abitata già in età molto antica, è di origine araba e deriva probabilmente da “abu” (padre) e “giabir” (guaritore di ossa).

Ammirando il paesaggio pieno di olivi e pareti di roccia e giungendo alle prime case di Bugeber, si svolta a sinistra per Via Kafaro e si sale verso la Chiesa di Santa Chiara. Superando la chiesa si arriva alla vecchia contrada Kafaro, dall’arabo “hafar” (buco), dove è possibile ammirare alcuni “dammusi”. Circa 400 metri dopo la chiesa giungiamo a un bivio: imbocchiamo quindi la strada sulla destra e procediamo per circa 20 metri, svoltando subito dopo a sinistra in una mulattiera un po’ nascosta. L’entrata nella mulattiera, ombreggiata dalle querce, porta direttamente nella colata lavica del Khaggiar che si snoda tra boschi di corbezzoli, frutti da cui è possibile preparare un’ottima marmellata.

Dopo aver ammirato i panorami del Khaggiar giungiamo a un sentiero lastricato: il Sentiero Romano, che dai tempi dei Romani è stato il collegamento principale tra il centro di Pantelleria e Khamma-Tracino. Svoltando a sinistra e procedendo sul sentiero verso nord è possibile osservare la macchia mediterranea, ricca di arbusti di fillirea e lentisco. Arrivati poi alla strada Perimetrale (asfaltata) giriamo a sinistra. Proseguendo per circa 200 metri giungiamo a un parcheggio, da cui si procede verso sud-ovest per una salita, costeggiando delle case di villeggiatura. Durante il percorso è spesso possibile incontrare un cespuglio basso: la Timelea barbosa, detta in dialetto “mufulena”. Da lì raggiungiamo infine la strada proveniente da Pantelleria che conduce al lago, da cui si ha una meravigliosa vista sul bacino blu. In lontananza si ergono il Gelfiser e la Montagna Grande.

È possibile procedere per una scorciatoia verso il lago scendendo a sinistra per una scala sotto la curva. Durante la discesa si osservano dall’alto i resti delle mura dell’antico tempio di Venere e di un vicino “dammuso”.

Richiedi informazioni

Prenota al miglior prezzo
11 maggio 2020
13 maggio 2020
Oppure chiamaci+39 0923 916663
Prenota al miglior prezzo